Piena luce sul tentato omicidio di via Mulino a Vento, la notte del’8 aprile, quando il quarantenne Giovanni Licciardello venne colpito con due colpi di arma da taglio al torace. La vittima fu accompagnata al Pronto Soccorso del “Vittorio” dove i medici, dopo avere riscontrato due ferite da taglio a livello toracico e addominale, disposero il ricovero in prognosi riservata.  Le indagini condotte dagli investigatori della Sezione Reati contro la Persona hanno consentito di acquisire univoci e concordanti indizi di responsabilità nei confronti di Fabio Cardillo, di 49 anni (nella foto), il quale, al culmine di una lite tra vicini di casa per futili motivi, accoltellò Licciardello. Dopo il fatto Cardillo abbandonò la propria abitazione rendendosi irreperibile. Ora è gravemente indiziato del reato di tentato omicidio e porto illegale in luogo pubblico di arma da taglio e si trova nel carcere di piazza Lanza.CARDILLO Fabio classe 1969

Comments are closed.