Apre al “Garibaldi-Centro” il nuovo Reparto di Osservazione Breve Intensiva (OBI) destinata ad ospitare i pazienti che giungono al Pronto Soccorso della storica struttura di Piazza Santa Maria di Gesù, che hanno bisogno di approfondimento diagnostico. I nuovi locali, dotati di ambienti spaziosi con venti posti letto, consentiranno di snellire i percorsi di emergenza del nosocomio, attraverso una specifica procedura di accoglienza che supporterà il lavoro del triage, già all’ingresso del paziente in ospedale, nonché quello degli stessi operatori sanitari, che potranno svolgere le proprie funzioni più agevolmente. 

Il nuovo reparto (foto di copertina) è dotato di moderna tecnologia per il monitoraggio continuo dei pazienti oltre che di un sistema di telecamere a circuito chiuso per il controllo visivo dei ricoverati.

Già dall’inizio dell’anno, il Pronto Soccorso ha registrato quasi 49 mila accessi, mostrando un notevole incremento rispetto all’anno precedente, nonché un particolare aumento dei codici rossi, attestatosi intorno al 17 per cento.

“Abbiamo rispettato la tempistica che ci eravamo prefissi aprendo la nuova struttura entro la fine di Ottobre, con questo  – ha dichiarato Giorgio Santonocito, Commissario dell’Azienda – contiamo di ridurre di molto l’intasamento del nostro Pronto Soccorso, che pur reggendo un afflusso ben superiore alle sue potenzialità, necessitava di  supporto logistico e di nuovi percorsi di accoglienza.”

L’apertura del nuovo OBI assume un’importanza particolare soprattutto in vista dei prossimi cambiamenti logisti che a breve interesseranno la città. “Il Garibaldi – continua il manager – sta compiendo i passi propedeutici per permettere un efficace re-indirizzo dei flussi dopo l’ormai prossima delocalizzazione del Pronto Soccorso del Vittorio Emanuele”. Subordinata, come si legge in altro articolo, all’apertura del nuovo centro del “San Marco”.

Soddisfazione è stata espressa dal direttore del dipartimento di Emergenza, Sergio Pintaudi, e dallo stesso responsabile del Pronto Soccorso, Giovanni Ciampi durante l’inaugurazione (nelle foto).

Comments are closed.