Per la rassegna “Altrescene”, sabato 13 alle ore 21 e domenica 14  alle 18 e 21, arriva sul palco di “Zo” di viale Africa lo spettacolo “Immacolata Concezione” della compagnia Vucciria Teatro.

Sicilia, 1940. Concetta, ragazza silenziosa e innocente, viene barattata dal padre caduto in disgrazia con una capra gravida e affidata a Donna Anna, tenutaria del bordello del paese. Lei, estranea ai piaceri della carne e a qualunque “adulta” concezione della vita, non oppone nessuna resistenza. Del resto nessuno le ha mai spiegato cosa voglia dire fare l’amore, nonostante quella parola le piaccia già. Ben presto la fama della “nuova arrivata” raggiunge tutto il paese: ma nessuno sa di preciso quali piaceri regali agli uomini per farli impazzire così tanto. Lo spettacolo racconta quale terremoto possa generare l’incontro tra spiritualità e carnalità sul piano della collettività in un microcosmo siciliano fatto di omertà violenza e presunzione, ma anche di quell’autenticità tipica della carnalità isolana e non a caso è ambientato negli anni ’40, spartiacque essenziale nella storia dell’umanità. Con questa opera ” Vuccirìa Teatro” è stata tra i vincitori dei “Teatri del Sacro 2017”.immacolata

IMMACOLATA CONCEZIONE

scritto e diretto da Joele Anastasi. Con Federica Carruba Toscano,  Alessandro Lui (nella foto) , Enrico Sortino, Joele Anastasi, Ivano Picciallo.

Da un’idea di Federica Carruba Toscano. Scene e costumi Giulio Villaggio; light designer Martin Palma; musica originale “scurannu agghiurnannu” Davide Paciolla; testo musica originale Federica Carruba Toscano; aiuto-regia Nathalie Cariolle. Contributo drammaturgico Alessandro Lui. Foto Dalila Romeo;  video e graphic designer Giuseppe Cardaci;  scenotecnica 2C Arte;  sculture cartapesta Ilaria Sartini;  effetti speciali Midian Lab; organizzazione Nicole Calligaris; ufficio stampa LeStaffette; distribuzione 369gradi produzione Progetto Goldstein.

Ingresso: € 14 intero; € 12 ridotto

 

Comments are closed.