Tempo di bilanci ormai per le numerose iniziative natalizie, in particolare quelle dei quartieri. Ad esempio, si è rivelata un successo su tutta la linea alimentato da decine di famiglia che in questo periodo festivo hanno visitato la mostra di presepi all’interno del Lavatoio di Cibali (nella foto). Un impegno mantenuto dal presidente del III Municipio Ferrara e dal presidente del IV , Buceti, sin dall’inaugurazione ufficiale. Grazie alla collaborazione con i volontari “Gruppo Volontari Italia” ad accogliere i visitatori sono state le guide turistiche in 3 lingue (inglese, francese, spagnolo) fornite dall’Istituto “De Felice-Giuffrida” di Catania. “Per noi il successo è andato oltre ogni nostra aspettativa- spiega il presidente del III municipio Paolo Ferrara- di questo voglio ringraziare tutti i partecipanti e il mio collega Erio Buceti. Con lui abbiamo intenzione di ripetere molte altre iniziative istruttive e sociali che porteranno il Lavatoio ad essere un luogo di cultura e di aggregazione per catanesi e turisti”.

Altro momento di convivialità, di festa e di religiosa partecipazione che ha coinvolto  centinaia di parrocchiani provenienti dal quartiere di San Giovanni Galermo e dai paesi dell’hinterland etneo, l’arrivo dei Re Magi, che prima di andare ad adorare Gesù Bambino, hanno percorso le vie del quartiere, insieme ai cammelli, e hanno incontrato i bambini nella Parrocchia SS Zaccaria ed Elisabetta per rivivere insieme la festa dell’Epifania. “E’ stato un successo su tutta la linea – ha commentato Buceti – fortemente voluto dall’intera collettività perché crediamo che le giovani generazioni debbano capire che queste festività poggiano su valori sociali importanti per tutti noi. Nonostante le difficoltà attuali riscoprire e far risaltare le antiche tradizioni può essere un punto di condivisione e unione per l’intero territorio”. Un appuntamento reso possibile dalla collaborazione con Padre Giuseppe Catalfo, con la comunità Neocatecumenali e con il presidente del comitato per i festeggiamenti Giuseppe Di Mariano.

preseppi2

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.