Chiavi di autovetture, ben 46 centraline di vari modelli di auto, arnesi atti allo scasso e armi bianche sono stati ritrovati dagli agenti del Commissariato Borgo-Ognina all’interno di un garage di Picanello (nella foto) in uso a un pregiudicato. Trovata pure una Fiat Tipo in procinto di essere smantellata: Oltre al titolare del garage, erano presenti altre tre persone che, alla vista dei poliziotti e prima di essere bloccate, hanno tentato la fuga nascondendosi all’interno di un appartamento limitrofo, suscitando le legittime rimostranze dello spaventatissimo proprietario. Come se non bastasse, i liquidi tossici provenienti dallo smontaggio delle vetture rubate venivano smaltiti all’interno del sottosuolo, attraverso un canale ricavato all’interno del garage, causando in tal modo, grave inquinamento.trasmettitori

Così i quattro sono stati indagati, oltre che per il reato contro il patrimonio, anche per il reato ambientale di scarico delle acque sporche e tossiche nelle falde acquifere.

Le centraline e i libretti di circolazione, invece, sono stati ritrovati all’interno di un deposito, riconducibile a un altro noto pregiudicato. L’uomo, inizialmente, ha negato di avere in uso l’immobile ma, dopo l’intervento dei Vigili del Fuoco chiamati dai poliziotti ad aprire la saracinesca del deposito, ha confermato di esserne nella disponibilità. Inoltre, a seguito di una perquisizione, è stato trovato in possesso anche di armi bianche e di oggetti atti allo scasso: oltre che per i reati contro il patrimonio, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria anche per i reati di porto di oggetti atti a offendere e possesso ingiustificato di chiavi alterate.

 

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.