Il Consiglio comunale, presieduto da Giuseppe Castiglione, ha approvato due delle tre delibere poste all’ordine del giorno. Dopo il dibattito consiliare è stato posto alla votazione la delibera relativa all’aggiornamento del Catasto dei terreni incendiati nel 2016 il cui aggiornamento e l’individuazione planimetrica e delle particelle catastali sono affidati alla Protezione civile. L’assemblea consiliare ha votato la delibera all’unanimità dei presenti, cioè con 23 voti favorevoli.
Approvato anche l’atto relativo al Paesc, ovvero il Piano d’azione per l’energia sostenibile e il Clima, su cui è stato espresso un atto di indirizzo favorevole alla richiesta e all’utilizzo dei contributi del DDG 908/2018, a favore del Comune. Il Paesc, dopo l’adozione del Paes da parte del nostro Comune, è l’atto che deve far conto delle variazioni, riviste dalla Ue, per gli obiettivi di riduzione della anidride carbonica e di contenimento delle emissioni dovute al consumo di combustibili fossili previsti per il 2020.
La delibera è stata votata anche in questo caso dall’unanimità dei presenti, 31 consiglieri, così come è stata positiva la votazione sull’immediata esecuzione della delibera stessa, con 32 voti favorevoli. 
Il consiglio comunale ha anche approvato un ordine del giorno presentato da diversi consiglieri, primo firmatario Daniele Bottino, di sostegno ai giornalisti e ai lavoratori di UltimaTv che proprio ieri ha cessato le trasmissioni. 
Per la terza delibera all’ordine del giorno, relativa alla sdemanializzazione di tratti di terreni demanial
i con relativo passaggio tra beni patrimoniali disponibili e successiva cessione a trattativa privata, durante il dibattito, è venuto a mancare il numero legale per poter procedere alla votazione.

Da segnalare intanto che a seguito della segnalazione del consigliere di quartiere Francesco Valenti e all’intervento in Consiglio della consigliera Valeria Diana è stato temporaneamente risolto il problema di sversamento liquami fognari in via Delle Robinie, nel quartiere San Giorgio”. Lo commenta la deputata nazionale cinquestellina Simona Suriano ( i tre nella foto) .  liquami

“Ieri siamo stati a San Giorgio coi portavoce comunali e di quartiere, abbiamo parlato con l’assessore comunale all’Ecologia e infine, la sera in Consiglio comunale, l’assessore Cantarella ha risposto alla consigliera Valeria Diana che avrebbero provveduto immediatamente a ripulire la zona. Oggi a San Giorgio non c’è più fogna a cielo aperto. Rimane comunque un problema strutturale di rete fognaria che va adeguata e ci auguriamo che quanto prima ripartano i lavori per una sistemazione definitiva”, aggiunge la deputata del M5S.

Aggiunge la consigliera Diana: “Ci sembra assurdo però che per un problema di manutenzione ordinaria gli abitanti di San Giorgio abbiano dovuto aspettare ben due settimane e l’impegno di un deputato nazionale perché la questione fosse, solo temporaneamente, risolta”.

“Se non si provvederà all’allaccio delle abitazioni di via delle Robinie al sistema fognario il problema non sarà risolto definitivamente”, afferma Valenti. “Continueremo a pungolare l’amministrazione comunale finché non l’allaccio non sarà completato”.

 

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.