Criminalità economica e organizzata sono ormai fenomeni largamente collegati tra loro non solo su
scala nazionale, ma anche europea e mondiale. Proprio per fornire un quadro composito degli strumenti
di prevenzione e repressione di tali forme di criminalità venerdì 12 alle 15,30, nell’aula magna
del dipartimento di Giurisprudenza, si terrà la conferenza dal titolo “Crimine organizzato e criminalità economica: stato dell’arte e prospettive future dopo l’introduzione del Pubblico ministero europeo”, promossa dalla docente
Anna Maria Maugeri, ordinario di Diritto penale, in collaborazione con il Centro di Diritto penale europeo (Cdpe).
L’incontro rappresenta il momento conclusivo (che fa seguito ai seminari del febbraio, marzo e ottobre
scorsi ) del secondo anno di tre cicli annuali (il primo si è concluso nell’ottobre del 2016) di iniziative
organizzate nel quadro del progetto “Re-launching the Centro as a leading cultural association to foster
education and legal training in European Criminal law”, cofinanziato dall’Unione europea nell’ambito del
programma “Erasmus+ – Jean Monnet Support to Associations”, che ha l’obiettivo di contribuire all’opera
di sensibilizzazione dei giuristi italiani sulle tematiche inerenti al fenomeno dell’incidenza del diritto
dell’Unione europea sui diritti penali nazionali. Accanto ad accademici di provenienti da tutta Italia,
interverranno anche diversi operatori del diritto e rappresentanti delle istituzioni, con l’intento di garantire
una visione trasversale e pluralistica dei profili analizzati.
La conferenza si aprirà con gli indirizzi di saluto del rettore Francesco Basile e del direttore del
dipartimento di Giurisprudenza Roberto Pennisi. La prima sessione sarà coordinata dal professor Giovanni
Grasso. Interverranno Rosaria Sicurella, Vincenzo Mongillo e Raffaele Piccirillo. A fine
sessione si svolgerà l’assemblea dei soci del “Cdpe”.
Il giorno successivo, sabato 13 alle 9, sempre nell’aula magna di Villa Cerami, si terrà la seconda sessione, presieduta dal procuratore Carmelo Zuccaro. Interverranno Giuseppe Pignatone (procuratore di Roma), Francesco Siracusano (Università di Catanzaro), Giorgio Fidelbo (consigliere alla Corte di Cassazione) e la Maugeri. Concluderà i lavori Francesco Palazzo (Università di Firenze).

Comments are closed.