La Commissione Straordinaria di Liquidazione ha incontrato Comunei rappresentanti sindacali delle organizzazioni maggiormente rappresentative, territoriali e del pubblico impiego, al fine di illustrare le linee guida che verranno seguite per il corretto e ordinato svolgimento degli adempimenti istruttori riguardanti la prima fase dell’attività della commissione che consiste nel censimento della massa passiva, relativa ai debiti sorti fino al 31 dicembre 2018.

Per questa finalità, relativamente ai crediti derivanti da rapporto di lavoro subordinato con il Comune, la Commissione, su espressa richiesta dei sindacati, ha chiarito che ogni Direttore dell’Ente formalizzerà specifica richiesta alla Direzione del Personale previa istanza, anche generica, dei dipendenti alle Direzioni di appartenenza, relativamente ai crediti pregressi derivanti da legge, contratti nazionali collettivi e decentrati. La Direzione del Personale, dopo avere accertato la sussistenza del credito del dipendente e quantificato l’ammontare spettante, trasmetterà la documentazione alla Commissione Straordinaria di Liquidazione per l’inserimento nella massa passiva.

Durante l’incontro con le organizzazioni sindacali, la Commissione, composta dalla dottoressa Pace e dai dottori Meola e Sapienza, ha ribadito che il debito accertato a favore dei singoli dipendenti del Comune, costituisce un credito “privilegiato”, ossia attribuisce al proprio titolare il diritto di ottenere completo soddisfacimento dello stesso.

Prima dell’incontro coi sindacati, la Commissione ha illustrato ai Responsabili di Direzione del Comune l’atto di indirizzo n. 3 deliberato lo scorso 5 Marzo, provvedimento in cui sono stati stabiliti i passaggi necessari all’accertamento della massa debitoria, secondo una preventiva istruttoria curata dagli uffici comunali, al fine di rendere fluida e certa la prima fase di verifica dei debiti effettivi e di inserimento nella massa passiva.

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.