Con la cerimonia di consegna del premio “I Paladini della cultura”, organizzata dall’omonima associazione presieduta da Angelo Barone, nata dall’esperienza editoriale di “Bianca Magazine”, si conclude domenica a Grammichele la due giorni della manifestazione aperta con l’evento enogastronomico “Nove Città in bocca”.birrificio

Ecco i nomi dei premiati, scelti fra le cinquanta candidature pervenute alla segreteria: Premio Speciale Ad honorem: a Sebastiano Tusa, già assessore regionale ai Beni Culturali e all’Identità siciliana.

Premio Immagine della Sicilia nel Mondo: all’attrice Maria Grazia Cucinotta .

Premio Tradizioni e produzioni siciliane: assegnato a quanti si impegnano con successo al recupero delle nostre tradizioni e alla valorizzazione delle nostre produzioni, al Birrificio Messina (nell’immagine).

Premio Innovazioni: a Mangrovia, per l’impegno nel promuovere e svolgere attività educative e di produzione che contribuiscono alla crescita e all’innovazione dell’intera comunità, mediante pratiche etiche e sostenibili con la produzione in acquaponica di prodotti agricoli e pesce d’acqua dolce destinato al consumo.

Premio Giovani:  a Elisa Bonacini per il Suo impegno nella promozione e valorizzazione del patrimonio culturale rendendolo più accessibile a tutti e attivando processi virtuosi come #InvasioniDigitali e izi.Travel di cui è la coordinatrice e che ha permesso di colmare il gap della comunicazione culturale in Sicilia.

“Menzioni Speciali” Bianca Magazine all’Ingegner Biagio Consoli per essersi distinto nell’imprenditoria agricola ed essere stato uno dei protagonisti fondamentali nel territorio di Mazzarrone per lo sviluppo dell’agricoltura e in particolare per la produzione di uva da tavola; a Daniele Giannotta per la qualità degli interventi eseguiti e per il successo sanitario ottenuto con delicati interventi di rivascolarizzazione miocardica completa; Maria Gabriella Capizzi per essersi distinta come imprenditrice dell’arte e della cultura con la direzione scientifica del Museo Leonardo da Vinci e Archimede di Siracusa, facendo del suo impegno e del suo amore per l’arte la propria missione; Luigi Gismondo per aver contribuito con la sua arte di fama nazionale e internazionale e la sua passione, ad arricchire la conoscenza artistica del territorio di Grammichele; al maestro pasticciere Nicola Fiasconaro che, insieme ai fratelli Martino e Fausto guida l’azienda di famiglia, ha reso nota la Sicilia attraverso la qualità dei suoi prodotti dolciari, diventando ambasciatore delle eccellenze siciliane nel mondo.

 

Comments are closed.