Il Consiglio comunale, presieduto da Fracesca Raciti, ha approvato nella serata di ieri tre regolamenti. E’ passata all’unanimità, con 33 voti favorevoli, la proposta dell’assessore alla Polizia Municipale, Marco Consoli, riguardante il nuovo Regolamento del Corpo della Polizia Municipale.
“Dopo più di venti anni -ha detto il vicesindaco – abbiamo un nuovo strumento, con regole certe, adeguato al testo unico degli enti locali e alle rinnovate esigenze del Corpo. Sono definiti, fra l’altro, servizi, funzioni, e anche competenze che la normativa regionale e nazionale riconoscono ai nostri vigili”.belfiore
Il documento si compone di 8 titoli e 55 articoli, su ordinamento del Corpo, organizzazione delle risorse, organizzazione tecnico-operativa, norme d’accesso, disciplina del servizio, norme di comportamento. Le novità principali riguardano la ridefinizione della struttura degli uffici del Corpo e dei reparti, di tipo piramidale, con due aree tecnico-amministrativa e tecnico-operativa, guidate rispettivamente dal comandante (nella foto Pietro Belfiore) e dal vicecomandante, quindi i servizi di prossimità nelle sei circoscrizioni, i nuovi provvedimenti premiali per il personale.

Per quanto riguarda la dotazione di armi, si aggiungono strumenti tattici difensivi, come lo spray al peperoncino.

L’Amministrazione ha fatto propri l’emendamento a firma di Agatino Lanzafame e Elisabetta Vanin del gruppo “Con Bianco per Catania” e il sub emendamento dei consiglieri del “Megafono” Daniele Bottino, Erika Marco, Francesco Trichini, per destinare alle attività d’ufficio del Corpo un certo numero di impiegati comunali così da potenziare le unità in strada.

“Già da due anni – ha sottolineato Consoli – l’Amministrazione ha aumentato, dove possibile, il numero degli agenti da impiegare nei servizi esterni destinando al lavoro d’ufficio personale amministrativo. Anche chi è impegnato negli uffici svolge comunque periodicamente servizio esterno”.

Secondo i dati della Direzione, sono 95 gli amministrativi negli uffici del Comando, e di questi 55 sono impegnati in lavoro d’ufficio e 40 come operatori di polizia stradale (ex ausiliari del traffico); 133 sono invece i vigili impegnati in lavoro d’ufficio, e di questi 66 hanno limitazioni fisiche certificate e 21 svolgono attività presso tribunali e procure.
L’assemblea ha anche approvato l’odg di Agatino Lanzafame, Elisabetta Vanin e Giuseppe Musumeci (quest’ultimo di “Articolo 4”), sul potenziamento della lotta ai parcheggiatori abusivi, e quello del gruppo “Catania Futura” con Salvo Spadaro, Alessandro Messina e Carmelo Coppolino relativo all’incremento del controllo sulle autocertificazioni per  l’apposito stanziamento dell’Agenzia delle Entrate.
Sì dell’aula all’unanimità inoltre per il Regolamento “ex novo”, come ha precisato il vicesindaco, sulla “Massa Vestiario” del Corpo di Polizia Municipale.
Il consesso cittadino ha votato all’unanimità, con 28 sì, anche la proposta presentata dall’assessore Luigi Bosco, sull’aggiornamento del Regolamento concernente la Disciplina della partecipazione di volontariato alle attività di Protezione Civile.
Nel corso della seduta, cui hanno partecipato anche gli assessori Rosario D’Agata e Salvo Di Salvo, sono intervenuti numerosi consiglieri.

vigili2

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.