Riceviamo e pubblichiamo.

“Anche questa tornata elettorale è oramai alle spalle. Pogliese è il nuovo sindaco di Catania e Bianco sarà solamente un buon consigliere tra i tanti. Eppure il neo sindaco eletto deve proprio tanto ai suoi  consiglieri, anzi tantissimo.

Infatti, se il buon ex parlamentare europeo potrà ricoprire l’ambita poltrona catanese tanto si deve alle forze scese in campo per sostenere i suoi partiti. Se Forza Italia e la lista Salvo Pogliese sindaco hanno fatto per bene il loro compito, lo stesso non può dirsi di liste come ‘Catania in Azione’ e ‘In Campo con Pogliese’ che tanta libertà di manovra avrebbero dato al sindaco.castiglionebis

A fare la figura del leone è, ancora una volta, Lombardo con la sua ‘Grande Catania’. La lista ha superato le 10.000 preferenze dando un netto margine di potere all’ex Forza Italia e portando a casa ben 4 seggi.

Ma anche l’indomabile Lombardo non avrebbe raggiunto un tale risultato senza il suo uomo migliore: Giuseppe Castiglione (nella foto) . L’omonimo dell’ex sottosegretario brontese è il vero cavallo di razza nella scuderia. Tra tanti amici e raccomandati, Castiglione con gli oltre 1000 voti ha garantito potere e controllo a Lombardo e soprattutto: ha fatto tutto da solo. I voti del nuovo Re Mida della politica catanese ha un serbatoio tutto suo, fatto di lavoro personale e della famiglia e di questo ne sono esempio le varie elezioni, sin dal 2008. Infatti, durante le provinciali del 2008, alla sua prima candidatura sorprese tutti con ben 2.315 voti al collegio Catania 3. E da allora non si è più fermato. Sempre eletto con risultati ottimi, sia personalmente che con le liste che appoggiava.

Sarebbe ora di premiare gli sforzi messi in campo in questi anni da Castiglione, magari con un assessorato che gli permetta di esprimere al meglio le proprie qualità manageriali spesso dimostrate come quando ricoprì la carica di presidente della Commissione comunale alla Viabilità”.

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.