Continua con successo l’export di arance rosse dall’Italia alla Cina per “Oranfrizer”. Dopo aver aperto questo mercato a marzo con il primo test di esportazione che ha interessato la vendita di due containers, circa  40 tonnellate di arance rosse, l’azienda italiana il 28 maggio ha consegnato a Shanghai un terzo container all’importatore Mao Hong Ming che proprio in questi giorni sta distribuendo sui mercati cinesi circa 20 tonnellate di Tarocco Made in Italy (nelle foto). Anche questa volta le arance rosse esportate da Oranfrizer sono approdate dalla Sicilia in Cina via nave. Saranno vendute nelle zone di Pechino, Shanghai, Ningbo e Guangzhou e saranno destinate anche alla vendita online. Le arance rosse saranno acquistabili anche su Benlai.com e sono state protagoniste della Festa della Repubblica Italiana in programma il 5 giugno nell’Ambasciata di Pechino.oranfrizer

“Abbiamo concluso la stagione delle arance rosse con questa seconda eccezionale esportazione in Cina – afferma il Ceo Oranfrizer Nello Alba – i risultati del primo test ci hanno premiati. Abbiamo pianificato l’andamento della stagione con l’intento di servire con lo stesso impegno tutti i mercati, le arance rosse che abbiamo raccolto in Sicilia hanno raggiunto contemporaneamente i reparti ortofrutta d’Italia, d’Europa e anche della Cina. Continueremo ad investire in campo per aumentare l’offerta delle arance rosse”.

“La richiesta di arance rosse italiane in Cina è ampia e consistente – spiega Sara Grasso, export manager di Oranfrizer – sta emergendo da tutti i settori della vendita di ortofrutta del mercato cinese. Siamo soddisfatti di questa prima esperienza e guardiamo con entusiasmo alla seconda stagione”.

“Celebrare la festa della nostra Repubblica nell’Ambasciata d’Italia a Pechino con la presenza delle arance rosse che abbiamo esportato dalla Sicilia è un onore per noi – aggiunge Salvo Laudani, marketing manager di Oranfrizer – Ringraziamo l’Ambasciatore Ettore Francesco Sequi ed il suo staff che sta valorizzando l’ingresso del nostro frutto nella Repubblica Popolare Cinese”.

Intanto Cina, Giappone, Taiwan e Hong Kong, sono questi i paesi che saranno coinvolti in “The European Art of Taste” che fino al 31 gennaio 2022 svilupperà azioni di promozione e campagne per un valore totale di 3,7 milioni di euro. Trasmettere i valori dell’ortofrutta europea e, in particolare, della produzione italiana, è l’obiettivo per cui nasce “The European Art of Taste: Italian Fruit & Veg Masterpieces”, la nuova campagna finanziata dall’Unione Europea e da CSO Italy. Per i prossimi tre anni il progetto coinvolgerà consumatori, giornalisti e professionisti del settore di Cina, Giappone, Taiwan e Hong Kong attraverso una serie di iniziative pensate per promuovere la qualità e le garanzie di sicurezza e salubrità certificate dalle rigide norme di produzione europea. Le azioni del progetto si snoderanno sia attraverso una serie di eventi e iniziative negli stores delle città principali, che tramite la comunicazione online con la creazione di un sito web dedicato e la diffusione di contenuti sui social network più utilizzati nei paesi target e sulle principali testate del settore food e lifestyle. Creare un legame con i media influencer sarà uno dei punti fondamentali della campagna che, per questa ragione, prevede l’organizzazione di workshop ed esperienze gastronomiche dedicate ai giornalisti. Il lato trade, invece, verrà coinvolto in una serie di appuntamenti e b2b all’interno delle maggiori fiere (da Asia Fruit Logistica, Macfrut Attraction China a Foodex Japan) al fine di creare nuove opportunità di contatto tra gli operatori leader dell’ortofrutta made in Europe e i mercati di destinazione del progetto.

 

L’idea di celebrare i capolavori della natura è al centro dell’immagine di comunicazione con cui si presenta il progetto, una vera e propria opera d’arte realizzata dall’artista italiano Antonio Pronostico, originario di Matera e da anni nel mondo delle illustrazioni e del fumetto. L’Italia è, infatti, riconosciuta in tutto il mondo come arte nel senso più esteso, dalle discipline visive a quella culinaria, favorita dalle eccellenze del suo territorio e dalla capacità di creare ricette conosciute in tutto il mondo.

 

I prodotti ambassador del progetto saranno kiwi, arance rosse e pere, oltre alle verdure fresche trasformate e i succhi di arancia e altra frutta, referenze principe del nostro paese che vuole creare un legame solido e duraturo con i paesi asiatici.

I produttori – raccolti intorno a CSO Italy, promotore del progetto insieme all’UE – sono Oranfrizer, Apofruit, Apo Conerpo con Alegra e Naturitalia, Consorzio Jingold, Cico, Lagnasco Group, Origine Group.

orange

 

 

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.