Quarantasei artisti, diversi per disciplina, linguaggio, tecnica ed età, sono stati i protagonisti della Mostra d’arte contemporanea “Connotazioni stilistiche”, che si è appena conclusa al Museo “Emilio Greco”; che ha sede nello storico Palazzo Gravina Cruyllas di piazza San Francesco d’Assisi. Promossa  dall’Accademia Federiciana come primo evento del “Festival siciliano della Cultura”, la mostra – che è stata inaugurata dalla giornalista Rosy Mundo – ha proposto le opere di 46 artisti contemporanei. Ideata e curata dal critico d’arte Fortunato Orazio Signorello, l’esposizione è stata organizzata con l’obbiettivo di presentare e far conoscere a un pubblico sempre più ampio i fermenti e le tendenze più attuali nel panorama dell’arte contemporanea.

Patrocinata dalla casa editrice Kritios Edizioni, la mostra ha proposto opere – riferibili all’espressionismo, alla pop art, all’iperrealismo, al surrealismo, al realismo, all’astrattismo e all’informale – eseguite da Salvatrice Alberghina, Innoccenza Alessi, Marlena Justyna Banbura, Angela Beltrami Palmieri, Marisa Cacciola, Paolo Calafiore, Serena Capizzello, Roberto Caristia, Eleonora Catania, Katya Cavaliere, Alberto Correnti, Rosaria Dattero (Roda), Anna Di Mauro, Nelly D’Urso, Giuseppe Ferrato, Adriana Garozzo, Angela Giglio, Nicolò Grasso, Domenico Guzzetta, Pinella Insabella, Giovanna Isaia, Anna Maria La Torre, Francesco Lotti (nell’immagine), Eliana Manitta, Giuseppina Martinez, Salvatore Milazzo, Ciro Mozzillo, Salvatore Musumeci, Amelia Nicolosi Ferro, Letizia Pace, Stefania Pascolini, Gaetano Puleo, Gabriella Puliatti, Vittorio Ribaudo, Elio Ruffo, Graziella Russo, Connie Sciacca, Antonella Serratore, Daniela Serratore, Fortunato Orazio Signorello, Giuseppe Spinoso (Jos), Rosa Maria Taffaro, Emma Traina Ghirardini, Pietro Alessandro Trovato, Luisa Turinese e da  Angela Maria Viscuso.

La mostra, che è stata ideata da Signorello con lo scopo precipuo di evidenziare la diversità di esecuzione tradizionale o innovativa nei principali mezzi espressivi utilizzati da ciascun artista, ha restituito – grazie alle opere scelte ed esposte – uno spaccato della ricerca espressiva contemporanea in Italia.

lotti

Comments are closed.