Capolavoro indiscusso del teatro musicale dell’Ottocento, “La Traviata”, terzo e ultimo titolo della “trilogia popolare” di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, ritorna dal 16 al 23 marzo sulle scene del “Teatro Massimo Bellini” dopo un lustro dall’ultima edizione: a calcare il palcoscenico, allora come ora, è il soprano Daniela Schillaci, catanese di origine e ormai applaudita in tutto il mondo, che così festeggia i suoi primi vent’anni di carriera. Ma è strettamente legata all’immaginario isolano anche l’intera produzione, firmata dall’argentino Mario Pontiggia, che il Teatro Massimo di Palermo ha varato appena l’anno scorso, e che celebra una delle pagine più gloriose della Belle Époque siciliana: fili di perle ed aigrettes di piume trasportano la vicenda della cortigiana parigina a Palermo, nell’età dei Basile, tra gli affreschi di Ettore De Maria Bergler e il modernariato degli arredi di Vittorio Ducrot, dove brilla incontrastato il fascino di donna Franca Florio, soprannominata “la regina di Sicilia”, “Stella d’Italia”, addirittura “l’Unica” da Gabriele D’Annunzio.

L’Orchestra e il Coro sono del Teatro Massimo. Sul podio una prestigiosa presenza quale quella di Jordi Bernàcer, da tre anni resident conductor alla San Francisco Opera, già assistente di Lorin Maazel e specialista del melodramma italiano dell’Ottocento. Maestro del coro Gea Garatti Ansini. Le scene  sono di Francesco Zito e Antonella Conte, i costumi di Francesco Zito, i movimenti di scena di Giuseppe Bonanno ripresi da Alessandra Cardello, le luci di Bruno Ciulli.

Le sette repliche avranno luogo dal 16 al 18 e dal 20 al 23 marzo, con l’unica interruzione di lunedì 19. Nei ruoli principali, accanto a Daniela Schillaci (Violetta), si esibiranno il tenore Javier Palacios (Alfredo Germont, nella foto) ) e il baritono Piero Terranova (Giorgio Germont). Nelle repliche del 17, 20 e 22 marzo, nei suddetti ruoli subentreranno rispettivamente Claudia Pavone, Alessandro Luciano, Francesco Verna. Nelle parti di fianco: Sabrina Messina (Flora Bervoix), Carmen Maggiore (Annina), Riccardo Palazzo (Gastone), Angelo Nardinocchi (Barone Douphol), Gianluca Tumino (Marchese d’Obigny), Dante Roberto Muro (Dottor Grenvil),  Filippo Micale (Giuseppe), Salvatore Di Salvo (Domestico di Flora / Commissionario).

Opera popolarissima nonostante i contrastati esordi al Gran Teatro “La Fenice” di Venezia, dove debuttò il 6 marzo 1853, La traviata è tratta dalla “Dame aux camélias”, romanzo (1848) quindi testo teatrale (1852) di Alexandre Dumas figlio, in cui viene rievocata la vicenda, in gran parte autobiografica, della tormentata passione che aveva legato il giovanissimo scrittore francese a Marie Duplessis, leggendaria protagonista delle notti parigine, nota per la sua sfolgorante bellezza come per la morte prematura, avvenuta all’età di soli ventitré anni. Per Verdi, coinvolto e folgorato dalla creazione di Dumas, diventa l’occasione per creare un altro indimenticabile ritratto – dopo quelli del gobbo protagonista di “Rigoletto” e della zingara Azucena nel “Trovatore” – in cui la purezza dei sentimenti apertamente contrasta con la difformità fisica o con lo stato di peccato, condannato dalla morale borghese dell’epoca. Un’opportunità immediatamente colta per scardinare la sintassi dell’opera italiana, favorendo un flusso narrativo libero e inarrestabile, termometro sensibile di un amore travolgente, «croce e delizia», trepidante palpito «dell’universo intero». Info teatromassimobellini.it.

 traviata

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.