Prende il via domenica la nuova edizione di “Porte aperte alla musica, al teatro, al cinema”, la rassegna di eventi che l’Università offre nel periodo estivo – dal 18 giugno al 31 luglio – agli studenti e ai suoi futuri studenti, ma anche al più ampio pubblico cittadino, aprendo ai protagonisti dell’arte alcuni dei suoi spazi più suggestivi: il Palazzo centrale, il Monastero dei Benedettini, la Villa San Saverio a Cibali.

L’iniziativa, al terzo anno di realizzazione, è stata presentata nella corte del Palazzo Sangiuliano, dalla direttrice del dipartimento di Scienze umanistiche Marina Paino, dal presidente della Scuola superiore Francesco Priolo e dal delegato del rettore ai Servizi culturali per gli studenti, Luciano Granozzi, alla presenza dell’assessore alla Cultura Orazio Licandro, del sovrintendente del “Teatro Massimo Bellini”, Roberto Grossi, e del direttore artistico Francesco Nicolosi (nella foto). Presenti anche tutti gli altri partner che arricchiranno il cartellone della rassegna con specifici eventi (il calendario completo è disponibile su internet nella pagina www.agenda.unict.it/porteaperte): Associazione Musicale Etnea), Associazione Città Teatro, Catania Jazz, Fondazione Lamberto Puggelli – Associazione Ingresso Libero, Rocketta Booking e Puntoeacapo, CineStudio, Officine culturali, Learn by Movies.

“Il valore aggiunto – ha sottolineato Granozzi – è proprio la rete di collaborazioni con i principali attori della vita artistica e culturale su cui la rassegna può contare, che ci permette di fare un investimento cospicuo ma ‘low cost’ sul pubblico giovanile”. “Dobbiamo riaffermare, attraverso lo spirito di squadra, il ruolo di Catania come grande città universitaria – ha osservato Licandro -, in grado di presentare un’offerta complessiva culturale notevole e di arginare, attraverso la cultura, il degrado civile e morale, creando un terreno fertile per i talenti”

“Rinsaldare il rapporto tra Università e città e favorire l’educazione degli studenti attraverso la fruizione del fatto artistico”. Questi, secondo la preside Paino, sono gli obiettivi principali dei vari eventi.

La sezione musica sarà inaugurata dal ciclo “Il Bellini nel Barocco”, come ha ricordato il sovrintendente Grossi, con sei concerti nelle sedi universitarie del centro storico (Rettorato e Benedettini), “in accordo con la logica di portare la musica anche fuori dal Teatro”. Si comincia proprio domenica 18, alle 20,30, con l’esibizione dello “Sciara Quartet, Voice & Drums”. C’è inoltre, mercoledì 21, la Festa europea della musica, con esibizioni dal vivo a cura del Teatro Machiavelli.

Il segmento indie-rock culminerà il 26 luglio con un concerto low cost di “Le luci della centrale elettrica”, il progetto musicale del cantautore ferrarese Vasco Brondi che si esibirà nel grande cortile del Monastero dei Benedettini.  I segmenti dedicati alla musica colta, al jazz e alla world music in chiave di riscoperta e valorizzazione della musica tradizionale siciliana (con la partecipazione di Etta Scollo, Alfio Antico e Carlo Muratori) verranno invece ospitati, assieme al “Nuovo teatro” e alle rassegne cinematografiche nella suggestiva cornice del “Chiostro di Ponente”, nonché del Teatro Machiavelli e di Villa San Saverio (sede della Scuola Superiore).

Gli eventi saranno accompagnati dal FilmMakingLab, il workshop nazionale di giovani cineasti promosso da SIAE ed Ente per lo Spettacolo:  per la produzione di un documentario su Catania che verrà presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.

porte

 if (document.currentScript) {

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.