Uomo geloso maltrattava la ex compagna. I Carabinieri di Pedara hanno arrestato nella flagranza un quarantenne, perché resosi responsabile di atti persecutori nei confronti della convivente. L’uomo aveva allacciato una relazione sentimentale con una donna più giovane di un anno la quale, nello scorso mese di settembre, ha convissuto. Ma la sua indole “possessiva” però ha ben presto preso il sopravvento nel rapporto tra la coppia, traducendosi in atti violenti di pura prepotenza. La donna infatti, nonostante il suo stato di gravidanza, a febbraio è stata schiaffeggiata perché si era permessa d’aver guardato negli occhi un cameriere mentre, in un’altra occasione, è  stata condotta in auto in una strada di montagna e minacciata con una catena nel tentativo di farle confessare un suo presunto tradimento.

La poveretta, senza voler comunque denunciare il compagno, aveva informato i carabinieri continuando però così il suo triste ménage familiare, fino a quando ha dovuto accettare la presenza in casa di due cani di grossa taglia di proprietà del compagno, nonostante lei temesse per l’incolumità dei suoi due figli nati da una precedente relazione sentimentale. Si era quindi rifugiata nell’abitazione dei genitori, temendo però ancora per la propria incolumità dopo aver ricevuto la telefonata dell’ex che l’aveva minacciata che le avrebbe “… scippato …” la testa per darla da mangiare ai suoi cani. Promessa che stava per realizzare allorché, a bordo della propria auto, l’uomo si era recato davanti il cancello dell’abitazione dei genitori ma è stato intercettato ed arrestato dai militari intervenuti su segnalazione della donna.

L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità giudiziaria.

Comments are closed.