Caccia ai ladri d’auto da parte degli agenti del Commissariato Borgo Ognina. A Picanello, sono stati identificate numerose persone con precedenti penali e, unitamente a personale delle Volanti è stata rinvenuta un’autovettura Fiat 500 poco prima rubata e lasciata parcheggiata in via Faraci. Infatti, tipico dei ladri di autovettura è che, dopo il furto, parcheggiano provvisoriamente l’autovettura nei pressi del luogo da dove la macchina è stata asportata e ciò al fine di diminuire il rischio di essere fermati dalla forze dell’ordine. Fatto di rilievo è che il proprietario non aveva ancora presentato denuncia e quindi l’autovettura non risultava ancora da ricercare; tuttavia, i poliziotti intervenuti, insospettiti dalla manomissione dei fili, tramite accertamenti di polizia hanno individuato il proprietario al quale, una volta accertato l’avvenuto furto, gli è stata riconsegnata l’autovettura.tavolini

Di recente gli agenti del Commissariato hanno concorso nella ricerca e rinvenimento di altre quattro autovetture e indagato cinque persone, la maggior parte pregiudicati, per ricettazione e furto di autovetture rubate. Inoltre, nell’ambito delle medesime operazioni, sono state rinvenute circa 50 centraline utilizzate, come noto, per rubare le autovetture.

 Sempre gli agenti del Commissariato, hanno eseguito controlli straordinari per reprimere il fenomeno dell’occupazione abusiva di strade pubbliche e marciapiedi da parte di taluni commercianti, abusivi e non. Sono stati indagate in stato di libertà sette persone per il reato di invasione di terreni e vie pubbliche che prevede la pena della reclusione sino a due anni o la multa da centotre euro a milletrentadue euro. Particolare rilievo assume il controllo effettuato in chiosco bar in zona Borgo (nella foto) il cui titolare, di fatto, aveva occupato senza alcuna autorizzazione comunale il marciapiede antistante l’attività, condizionando i pedoni a camminare sulla pubblica via con i relativi rischi.

In altro caso, un pensionato di un ente pubblico, aveva predisposto una struttura fissa occupando l’intera piazzetta e parte della strada, con piante di vario genere, fissando la struttura ai pali in ferro della segnaletica stradale. Una situazione simile è stata creata anche dal gestore di un girarrosto in zona Canalicchio, il quale ha invaso l’intera area antistante l’anzidetta attività con 15 sedie, tavoli, legna, ombrelloni, diversi barbecue tra l’altro in funzione, con i relativi disagi per i residenti.

Analoghi illeciti sono stati realizzati dai titolari di altre attività commerciali, quali panifici, fruttivendoli e ferramenta.

In totale, l’occupazione delle vie pubbliche e marciapiedi ammonta a circa 400 metri quadri e, per tale motivo, è stata informata la Polizia locale al fine di irrogare le ulteriori sanzioni.

 

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.