“Micio Tempio. Vietato ai minori” torna in scena venerdì 15  alle 20.30, al Teatro Metropolitan. Uno spettacolo nato da un’idea di Piero Lipera, diretto da Rosario Minardi e Marco Tringali e prodotto dall’associazione culturale
“Le Nuove Muse” di Giusi Manna e Simona Di Bella. Un omaggio all’intellettuale catanese, che tutti ricordano come poeta sboccato ed amante delle oscenità dimenticando il suo impegno nel denunciare le ingiustizie, gli abusi del malgoverno e gli eccessi della nobiltà sulla povera gente volutamente abbandonata nella sua ignoranza.
“Micio Tempio Vietato ai Minori” in un atto unico racconta con ironia, grazie all’interpretazione di Angelo Tosto, nei panni del Dante di Sicilia, e Giuseppe Castiglia (nella foto), nel doppio ruolo del narratore e del principe Biscari, la Catania di fine 700 e inizio 800, nel cuore della “Civita”, scissa tra finto perbenismo e ignoranza dilagante del popolo
catanese, la vita romanzata di uno dei figli della nostra città da sempre avvolta da un alone di  leggenda.
Con un’opera di riscrittura contemporanea dei registi Minardi e Tringali e l’interpretazione di un cast composto da: Angelo Tosto, Giuseppe Castiglia, Rossana Bonafede, Luana Toscano, Antonio Caruso, Santo Santonocito e il Teatro degli Specchi (Lara Marta Russo, Antonio Starrantino, Giovanni Bonaventura, Raimondo Catania, Seby
Cantarella, Giusy Allegra Filosico, Grazia Ercolano, Carolina Pulvirenti, Danilo Puglisi).
Note dal vivo dei “Beddi musicanti di Sicilia”.
Foto di Gaetana Gagliano.

Comments are closed.