Sabato 19 e domenica 20 maggio a “Viagrande Studios” va in scena la Compagnia Zappalà Danza con la prima assoluta di COME LE ALI, 2° meditazione su Caino e Abele, nuova creazione di Roberto Zappalà. Dopo la prima meditazione, CORPO A CORPO, presentato con successo a marzo ecco il secondo step che, insieme al primo, darà vita a “Liederduett”, produzione che debutterà in estate al Festival Internazionale Bolzano Danza, co-produttore dell’intero progetto. Sabato 19 alle 21, domenica 20 alle 19:30; biglietto intero 13 euro, biglietto ridotto 10.

In “COME LE ALI” il punto di partenza del coreografo è sempre la figura dei primi due fratelli dell’umanità, Caino e Abele, ma questa volta Zappalà li analizza attraverso un’esplorazione utopica della convivenza ottimale. COME LE ALI, danzato da Adriano Coletta e Filippo Domini (nella foto) sulle musiche di Johannes Brahms, Pan America, Scott Walker, Sunn 0))) & Boris,  si basa sull’intesa, il legame fraterno, l’intima unità che dovrebbe esistere tra gli organismi animali e vegetali, approdando alla simbiosi.

COME LE ALI vuole indagare una possibile utopia a partire da un’assenza: quella del primo delitto.

ali

 

 

Comments are closed.