L’inno nazionale, la mano sul cuore, il richiamo costante alla ‘missione’ del medico, le lacrime, comprensibili, per la gioia e l’emozione. Novantuno studenti, suddivisi in una sessione di laurea che si è aperta lunedì 23 e si è conclusa venerdì 27 marzo, hanno conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia all’Università. Sono i primi laureati “a distanza” del corso di Medicina. Il video di Zammù Tv racconta in pochi istanti questa settimana di sedute di laurea certamente diversa dal solito, con l’aula magna tradizionalmente stracolma di amici e parenti, ma non per questo meno significativa. Ha sottolineato la professoressa Daniela Puzzo, componente della commissione: “Noi con il nostro lavoro stiamo cercando di essere presenti accanto a loro, senza fermarci, a volte senza pensare. Vogliamo andare avanti e dimostrare ai nostri ragazzi che tutti insieme possiamo riuscirci. Dico ai nostri laureandi di ricordare qual è il loro compito e l’importanza del lavoro che andranno a fare: un lavoro che dev’essere innanzitutto una vocazione a fare il bene degli altri. Dobbiamo essere lì, a disposizione del prossimo perché abbiamo in mano la vita della gente. Vi auguro di riuscire a comprendere tutto questo e di diventare bravi medici”.

Il video di Zammù Tv: https://youtu.be/tN_ly_QVxbw

Comments are closed.