Lunedi 11 Catania ospiterà la protesta interregionale della vertenza “SIRTI” con i suoi potenziali 833 esuberi (su 3.692 addetti) distribuiti lungo l’intero territorio nazionale. In particolare, sono 148 i dipendenti a rischio a Belpasso, 152 a Carini e 96 a Catanzaro.
I lavoratori che arriveranno dai tre stabilimenti si raduneranno in piazza Roma  a partire dalle ore 9*.
Sarà presente anche una folta delegazione di lavoratori “Telecom”, solidali con i loro colleghi.
È poi previsto un corteo sino alla Prefettura di via Etnea organizzato unitariamente da Fiom Cgil, FIM CISL e Uilm Uil; di fronte a Palazzo Minoriti, in via Etnea, interverranno i coordinatori nazionali Pietro Locatelli (Fiom), Marco Giglio (Fim), Michele Paliano (Uilm), Roberto Mastrosimone Fiom Cgil Sicilia, e i segretari confederali territoriali.
 Interverranno le RSU dei vari stabilimenti e il segretario della Cgil di Catania, Giacomo Rota. Concluderà il cordinatore nazionale della Uilm Uil.
La vertenza SIRTI, “per le dinamiche dirompenti con cui è stata avviata (procedura di licenziamento collettivo) ha di fatto disorientato le altre aziende del settore, con il rischio di un effetto domino che potrebbe diffondersi a seconda delle soluzioni che si andranno ad individuare a valle. – si legge nel documento nazionale unitario- Un settore, quello delle TLC, da tempo impattato da forti tensioni dovute all’innovazione tecnologica (progressiva riduzione della rete rame), metodologie di assegnazione delle gare (massimo ribasso), proliferazione delle aziende partecipanti a gare.
Il tutto collocato in uno scenario di forte riduzione degli investimenti stanziati da parte dei maggiori committenti operanti nel settore, per il triennio 2019-2021. Pertanto, FIM-FIOM-UILM hanno da tempo sollecitato la creazione di un tavolo permanente del settore della TLC presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al fine di analizzarne le problematiche e congiuntamente individuarne le soluzioni”.
Nell’immagine, una recente manifestazione a Belpasso.
sirti
Tags:

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.