Un giovane con la passione per la pittura arriva a Vienna per sostenere l’esame di ammissione all’Accademia di Belle Arti e, sporco e squattrinato, trova rifugio in un ricovero per ebrei. Una storia come tante, se non fosse che quel ragazzo altro non è che Adolf Hitler. Sono queste le premesse di “Mein Kampf Kabarett”, lo spettacolo di Nicola Alberto Orofino, in scena al “Teatro del Canovaccio” dal 21 al 24 febbraio.

Una satira feroce e profetica che restituisce l’atmosfera degli spettacoli della Berlino a cavallo tra la Repubblica di Weimar e l’avvento del nazismo, periodo in cui i cabaret erano dipinti dagli stessi tedeschi come luoghi di perversione, al fine di eliminare la libertà che essi in realtà veicolavano. Difatti il “Kabarett” faceva spessissimo uso della satira, soprattutto quando affrontava argomenti legati alla società e alla politica, non ultimo il nazismo: anche per questa ragione l’antisemitismo dilagante in quegli anni colpì duramente anche la comunità degli artisti che vi lavoravano, poiché molti di loro erano ebrei.

MEIN KAMPF di George Tabori è un testo complesso, pieno di riferimenti religiosi, storici, intellettuali, è una gigantesca riflessione sul senso della vita e della morte, della storia e della fantasia, della verità e della bugia. Niente è come sembra perché tutto si mischia, tutto si può dire, tutto può accadere.

kabaret

Regia: Nicola Alberto Orofino

Con Giovanni Arezzo, Francesco Bernava, Egle Doria, Luca Fiorino, Alice Sgroi (nella foto).

Assistente alla regia: Gabriella Caltabiano

Scene: Cristina Ipsaro Passione

Organizzazione: Filippo Trepepi

Produzione: MezzAria Teatro

Orario spettacoli

21-22-23 febbraio: ore 21

24 febbraio: ore 18

Comments are closed.