Ha preso il via nei giorni scorsi l’attività clinica del nuovo “Gamma Knife Icon” dell’ospedale “Cannizzaro” (nella foto), inaugurato la scorsa settimana e già a pieno regime.

Per la prima volta è stata utilizzata la maschera termoplastica, dispositivo introdotto con questo nuovo modello di apparecchiatura, che ha permesso il trattamento in regime ambulatoriale e non più in ricovero. La maschera, alternativa molto più confortevole rispetto al casco fissato alla testa tramite viti extracraniche, è impiegata nei casi in cui la vicinanza degli organi a rischio rende necessario un trattamento radiante in più frazioni piuttosto che in singola seduta.

Sono cinque i pazienti finora trattati, tra i quali anche casi di patologie funzionali. La nuova macchina, ultima frontiera della radiochirurgia stereotassica, permette infatti di irradiare con precisione sub-millimetrica non soltanto taluni tumori cerebrali primitivi, maligni o benigni (tra cui i neurinomi dell’acustico, meningiomi, adenomi ipofisari), ma anche metastasi cerebrali, malformazioni vascolari e patologie non tumorali come nevralgia del trigemino, disturbi del movimento, malformazioni artero-venose (angiomi cerebrali).

Il nuovo “Gamma Knife Icon”, il primo installato in un ospedale pubblico italiano, unico nel centro-sud e tra i 50 presenti in tutto il mondo, ha una gestione funzionale integrata tra le Unità di Neurochirurgia e di Radioterapia, ognuna per le proprie competenze, sotto la supervisione dei rispettivi direttori Salvatore Cicero e Francesco Marletta. Il trattamento più idoneo in ciascun caso viene discusso e stabilito da un team multidisciplinare che si riunisce settimanalmente e che ha già programmato i trattamenti delle prossime settimane.

Per accedere alle visite ambulatoriali, gli utenti possono contattare lo 095 7264015 (segreteria Radioterapia) o 095 7263435 (segreteria Neurochirurgia), dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.

pazienti

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.