La Sicilia si ritrova tra le Regioni italiane scelte dalla Commissione europea per la comunicazione dei migliori progetti realizzati con i fondi Ue. Un riconoscimento al buon utilizzo dei fondi strutturali e alla capacità di rapportarsi con Bruxelles. Ha preso il via a Catania la campagna pubblicitaria “Ferrovia Circumetnea, per una città davvero metropolitana”, promossa dall’esecutivo comunitario in collaborazione con la Regione.
A inaugurare l’iniziativa, il presidente il governatore Nello Musumeci,  il funzionario della direzione generale Regio della Commissione europea Matteo Salvai, insieme al  sindaco metropolitano Salvo Pogliese, al direttore del dipartimento regionale della Programmazione Dario Tornabene e al direttore generale della Ferrovia Circumetnea Salvatore Fiore (nella foto) .
“Siamo contenti – ha detto Musumeci – di questa scelta fatta da Bruxelles.  E’ il riconoscimento, da parte dell’Europa, al lavoro fatto dagli uffici della Regione  che più ci piace. Un’Europa, cioè, attenta alle periferie e al Mezzogiorno. La metropolitana Circumetnea è un’opera di grande impatto sociale che consente a Catania una mobilità veloce e non inquinante, in linea con le più importanti città europee. Il fatto di essere una delle poche Regioni d’Italia scelte per questa campagna pubblicitaria è per noi motivo di grande soddisfazione, per un mese – ha concluso –  i catanesi potranno rendersi conto di quanto importante sia la collaborazione con l’Europa,  quando si tratta di progetti concreti, sostenibili, utili a creare un futuro di sviluppo”.
Un riconoscimento al lavoro della Regione è venuto da Matteo Salvai. “La campagna – ha spiegato – si è sviluppata nel 2019 in cinque Paesi e 35 Regioni europee, tra queste la Sicilia. Insieme alla Regione abbiamo scelto un progetto che fosse altamente simbolico, del buon uso dei Fondi europei. È un progetto ad alto impatto, utilizzatissimo da pendolari, dagli studenti, catanesi e da chi vive nell’hinterland. Nei prossimi anni trasformerà la mobilità cittadina. Posso testimoniare – ha concluso il funzionario Ue – che il supporto avuto dalla Regione Siciliana non ha eguali in altre Regioni”.
La campagna di comunicazione ha come elemento caratteristico  il totem interattivo, collocato a Catania a piazza Stesicoro, che è stato attivato alla presenza dei giornalisti. Si tratta di uno strumento digitale e interattivo che permette a cittadini e turisti di immortalare la propria immagine assieme a uno a scorcio della città e alla grafica della campagna e di condividerla sui social.
Al centro della campagna, la realizzazione della tratta metropolitana “Stesicoro-Aeroporto”, che a lavori ultimati consentirà il collegamento dalla stazione di Nesima fino allo scalo di Fontanarossa. Permettendo, così, il completamento della metro di Catania, sviluppata a partire dalla vecchia Ferrovia Circumetnea nata nel 1890. Un progetto ritenuto significativo anche in un’ottica di innovazione e integrazione tra città e territorio, i cui lavori sono finanziati dal Po Fesr Sicilia 2014-2020 con un contributo massimo previsto di 478 milioni di euro, a fronte di un costo complessivo di 492 milioni. I lavori, in corso, riguardano un percorso di 6,8 chilometri interamente in galleria e prevedono la realizzazione di otto nuove stazioni ferroviarie: San Domenico, Vittorio Emanuele, Palestro, San Leone, Verrazzano, Librino, Santa Maria Goretti, Aeroporto. La conclusione è prevista nel 2022. Nel 2019 la metropolitana di Catania ha già registrato circa 7 milioni di viaggiatori.
Nella foto Musumeci, Pogliese, Fiore e Salvai.
Totem Ue

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.