Domenica delle Palme fruttuosa alla Spiaggia Libera n. 1 che alla distanza di due mesi dall’ultima pulizia straordinaria dello scorso 17
febbraio, è stata ripulita nuovamente (nelle foto) ad opera di liberi cittadini che si sono rivolti alla “Dusty”, per effettuare la bonifica dell’arenile trasformato purtroppo dai catanesi in una discarica a cielo aperto.ripulita

Circa una sessantina di persone, liberi cittadini, famiglie e studenti, che attraverso il passaparola e aiutati dalla “Dusty” che ha messo a disposizione 200 paia di guanti in lattice e 50 sacchi trasparenti per poter raccogliere i rifiuti che sono stati differenziati nelle varie frazioni, si sono dati appuntamento per effettuare la seconda bonifica dell’arenile. Ripulita infatti la spiaggia libera n. 1 e buona parte del parcheggio prospiciente l’ingresso.

Da notare che alcuni volontari, erano dotati dei carrellati per poter rimuovere le bottiglie di vetro che sono state conferite direttamente nella campana prevista nell’area del parcheggio di accesso alla spiaggia.

LA PESATA DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATAspiaggia

Cento kg di legno (tra cui pallet con chiodi arrugginiti); 400 kg di plastica; 500 kg di vetro; 30 kg di imballaggi in cartone; una decina di kg di carta; 500 kg di rifiuti indifferenziabili e n. 3 pneumatici. Ed ancora sfalci di fogliame, alcune siringhe che sono state conferite in modo separato.

Presenti non solo singoli cittadini catanesi, ma anche nuclei familiari con bambini di età scolare che si sono divertiti nel fare la raccolta dei rifiuti, ma anche studenti del Liceo scientifico “Ettore Majorana” di San Giovanni La Punta (classe I b).

“Dusty” (insieme alla società subappaltatrice Energetikambiente) ha impegnato due squadre di operatori, per un totale di 4 operatori e impiegato 3 mezzi: 2 satellite dotati di alza bidoni e 1 pianale per rimuovere il legname.

pulitori

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.