Anche Catania si mobilita con un presidio di protesta attivo dalle ore 10 alle ore 12 di sabato 14 di fronte alla Prefettura di via Etnea, in occasione della giornata nazionale promossa da Cgil, Cisl e Uil, che chiedono che nella legge di Bilancio 2018 siano inseriti una serie di provvedimenti in materia di lavoro, previdenza, welfare e sviluppo. I rappresentanti dei lavoratori hanno già avanzato le loro richieste nei tavoli di confronto nazionale, “per cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani, difendere l’occupazione , garantire sanità efficiente e rinnovare i contratti, a partire da quelli pubblici”.

“Il confronto sui tavoli nazionali aperti con il Governo si è rilevato più complicato e difficile rispetto alle promesse iniziali. – spiegano i rappresentati sindacali delle sigle provinciali e regionali- Le posizioni rischiano di distanziarsi in modo evidente a partire dal fatto che la quantità di risorse che il Governo vuole mettere nel DEF (Documento economia e finanza)sono assolutamente insufficienti per intervenire sulle questioni più scottanti. Questa prima iniziativa del 14 ottobre è dunque importante perché serve a spingere Governo e Parlamento, ad intervenire in modo serio nei confronti di disoccupati, lavoratori e pensionati”.

Per Cgil, Cisl e Uil l’iniziativa del 14 ottobre “è solo l’inizio di un percorso sindacale che ci deve portare ad acquisire risposte concrete su questi temi.

Comments are closed.