Zafferana Etnea all’avanguardia della raccolta differenziata. Nel mese di gennaio 2014, infatti, nel comune pedemontano si è registrato addirittura 89,95% di differenziazione dei rifiuti al culmine di una strategia attuata con convinzione dall’Amministrazione guidata dal sindaco, Alfio Russo.

Quale ulteriore certificazione del percorso virtuoso è giunta, poi, l’adesione alla Stategia denominata “Rifiuti Zero” ratificata dal Civico Consesso. Recentemente, il “modello Zafferana” è stato anche al centro di un convegno sul tema tenutosi a Taormina ed al quale il primo cittadino zafferanese è stato invitato.  Già applicati otto importanti punti previsti nel decalogo di una completa “differenziata” e cioè la separazione alla fonte, la raccolta porta a porta, il compostaggio, il riciclaggio, la riduzione dei rifiuti, il riuso e riparazione attraverso la realizzazione di appositi centri, la tariffazione puntuale basata sull’effettiva produzione, il recupero di rifiuti tossici. “L’obiettivo è adesso quello dell’azzeramento dei rifiuti entro il 2020 –ha affermato Russo- e credo che con il giusto supporto tecnico, amministrativo e gestionale affidato alla filosofia sistemica sposata in pieno da questa Amministrazione, la nostra Comunità potrà perseguire altri ambiziosi traguardi nel settore delle politiche ambientali. La recente introduzione del credito accumulabile mediante il conferimento nell’Isola Ecologica di rifiuti differenziati e spendibile per l’approvvigionamento dell’Acqua nella nuova “Casa” installata in pieno centro cittadino ha determinato un ulteriore incentivo”.

Per il presidente dell’”Associazione Rifiuti Zero”, Danilo Pulvirenti, Zafferana è un esempio da seguire per molti altri comuni siciliani  perché dalla corretta gestione dei rifiuti si apre un mondo di sostenibilità e di eccellenze di cui solo la Sicilia è proprietaria. In primavera organizzeremo un incontro con i sindaci di tutti i comuni aderenti alla nostra Associazione (una ventina) per fare il punto della situazione in tema di differenziata”.

Comments are closed.